Si intitola “Disonore” il nuovo disco di HELLE (alias di Lisa Brunetti) che propone un disco dal chiaro marchio electro pop. La cantautrice bolognese classe '94 propone all'ascoltatore un meraviglioso viaggio ai margini dell'essere umano; si scoprono cose interessanti, cose che non si direbbero, cose di cui forse ci si vergogna o di cui si va segretamente orgogliosi. Scoprire che si parte incendiari e fieri per poi rivelarsi tutti pompieri negli incendi più indomabili. Avere coscienza di questo stato di cose è un passo verso una visione reale a 360° che, piaccia o no, è vera. Chi siamo noi in fondo? Helle oltre ad esserselo chiesto, l'ha cantato con un'eleganza sonora ed un'efficacia artistica ammirevoli.

I dieci brani del disco sono un avvincente e seducente mosaico che si compone e si scompone in un susseguirsi di suggestioni ed emozioni contrastanti: dai dubbi legati alla fede del brano "FIGLIA DELLE NUBI" alla tristemente attuale "BARBIE" che racconta il rapporto tra social ed apparenza. Significativo è il brano che chiude il disco dal titolo "2107": ha senso impegnarsi a cambiare un sistema chiuso ermeticamente che ammette piccoli spiragli solo a chi obbedisce e si allinea? Le riflessioni sono un fiume in piena: in "TOM" si affronta la tematica dell'alcolismo mentre in "CHIMERE" emerge il peggio di ciascuno di noi, una parte che spesso nascondiamo agli altri e prima di tutto a noi stessi.

“Disonore” fa parte di quella schiera di dischi "pericolosi" perchè fanno riflettere, pensare e rimettere in discussione le certezze della vita. E così ci accorgiamo che tutto quello che diamo per scontato in realtà è solo il frutto di nostre convinzioni arbitrarie. Ecco, queste dieci canzoni sono spunti interessanti da cui partire o lidi incerti a cui approdare preparandosi alla prossima tappa. Per scoprirlo basta ascoltare "Disonore".

TRACCE

1. DISONORE
2. RISPETTO
3. SELVAGGIO
4. FIGLIA DELLE NUBI
5. CAROVANE
6. TOM
7. CHIMERE
8. TU MI VOLEVI BENE
9. BARBIE
10. 2,107