Si intitola “Mercurio” il nuovo disco di SASHA VINCI. Oltre al disco c'è di più: dietro le nove canzoni del progetto c'è l'argento vivo che rimanda al titolo. Il disco sfugge a ogni catalogazione, non è allineato alle nuove produzioni e cambia pelle ascolto dopo ascolto. Nei brani c'è la vita reale ed il sogno, il tangibile e l'evanescente, la materia e l'immaginazione: l'evocazione nemmeno troppo velata di Pier Paolo Pasolini è illuminante perchè rappresenta la libertà e l'estro creativo, la meraviglia della poesia affiancata dal disallineamento culturale. Sasha Vinci dimostra un'originalità notevole, una cura nei particolari che denota grande passione ed una determinazione invidiabile.

Ad esempio "Castelli di rabbia" è una sorta di manifesto della libertà, un opporsi alle ingiustizie generando una reazione forte; c'è la stretta attualità delle morti in mare in "Non ho paura" passando per la bellissima "Penna e calamaio" che fotografa il momento della creazione letteraria o ancora "Un giorno senza ore", una ipnotica ballata rock che cattura l'ascoltatore sin dal primo play.

"Mercurio" è un quadro bellissimo, tutto colorato pieno di sfumature nascoste e di luci che colpiscono l'attenzione. Non c'è trucco, non c'è inganno: Sasha Vinci non scherza.

 

TRACCE
1.CASTELLI DI RABBIA
2.IL MAGNIFICO VOLO
3.NON HO PAURA
4.MERCURIO
5.PENNA E CALAMAIO
6.UN GIORNO SENZA ORE
7.POESIE DELLA CRUDELTÀ
8.SILENZIO
9.OCCHI ALLE STELLE