Nuovi rimedi per la miopia, nuovo album dell'artista milanese Bugo, era molto atteso un pò perchè arriva tre anni dopo "Contatti" (il precedente lavoro), un pò perchè da Bugo ci si aspettano sempre delle belle canzoni con uno stile inconfondibile.


Ecco, questo nuovo album va ascoltato e riascoltato un pò di volte prima di metabolizzarlo perbene perchè ad un primo ascolto quello che attrae sono le melodie particolarmente accattivanti ed il fatto che siamo di fronte ad un Bugo "nuovo".

Analizzare i testi di Bugo non è cosa facile perchè puoi vederci dentro mille cose contemporaneamente. L'album si apre con "Non ho tempo", con un metronomo che fa da sfondo costante al pezzo, un ritmo incalzante e un testo che parla di priorità e di disponibilità. La delicatissima "I miei occhi vedono" è il brano che preferisco dell'album. Parla d'amore, lo fa in modo tenero e con un certo savoir-faire.


In "Lamentazione nr 322" c'è tanta elettronica (che ritroviamo d'altronde un pò iin tutto il disco, qua e là) e parla di distanze incolmabili e di suppliche d'aiuto.

Il Bugo del 2011 è un artista nuovo, più maturo stilisticamente e musicalmente. "Nuovi rimendi per la miopia" è un lavoro interessante che suscita curiosità ed è per questo che, secondo noi, bisogna avere un approccio diretto e scoprire man mano l'essenza della costante crescita artistica del cantante milanese.

Tracce
01. Non ho tempo
02. E ora respiro
03. I miei occhi vedono
04. Mattino
05. Il sangue mi fa vento
06. La salita
07. In pieno stile 2000
08. Comunque io voglio te
09. Lamentazione nr. 322
10. Citta' cadavere