Un esordio discografico con i fiocchi è “Prima, durante e… Dopo?” dell'artista senza volto REJECTO. Eh si, perchè la scelta di realizzare e produrre la propria arte in completo anonimato conferisce a Rejecto una innata spontaneità ed un'autenticità che incuriosiscono l'ascoltatore che divora le quattordici tracce del disco scritte prima e durante la pandemia che stiamo vivendo e si interrogano su un possibile “dopo” e sulle conseguenze di azioni di piccoli e grandi uomini.

“Prima, durante e… Dopo?” ha l'impronta "hip hop alternativo" e la capacità di raccontare la strettissima attualità, il cambiamento epocale che stiamo attraversando con i suoi interrogativi e le sue speranze. "Lockdown, odio casa mia!" è un brano che si discosta dal resto del disco in quanto mostra la sua matrice pop: c'è la presa di coscienza delle difficoltà di chi sta subendo questa pandemia. Ma si va anche indietro nel tempo ad esempio in "Liberate Assange" in cui si parla del giornalista Julian Assange e di Wikileaks; in "Too skinny" c'è il tema della diseguaglianza sociale ed economica tra migranti e ricchi. In "Spy" c'è invece la tematica del controllo: telecamere in strada, algoritmi del web, app di tracciamento che minano la tranquillità di ognuno.

“Prima, durante e… Dopo?” si propone come uno squarcio musicale sul mondo contemporaneo: Rejecto tira bordate mica da ridere e sbatte in faccia la realtà nuda e cruda, senza filtri. Ed è per questo che è da non perdere.

TRACCE

Liberate Assange
Fastfood
Vecchi amici nuovi nemici
Rejecto
Too skinny
Blow
Pretty vacant
Mumbo jumbo
Spy
Lezioni di economia
Lockdown, odio casa mia!
I gotcha!
I hate Bill Gates
Baby che ti bevi baby