Piano San Gregorio di Agrigento, una delle location più suggestive della Sicilia, sarà per il secondo anno sede dell’Ellenic Music Festival. Un progetto artistico che ha al centro il territorio, da dove tutto parte e a questo riconduce, rendendolo protagonista assoluto.
Headliner scelti per questa edizione saranno i tedeschi THE NOTWIST (venerdì 12/08 data esclusiva in Sicilia) e i SUBSONICA, due band che sanno unire potenza e suggestione, entrambe esponenti di un elettro-pop che ha macinato dischi e consensi internazionali, e che saranno colonna sonora perfetta di un proscenio con alle spalle una “quinta” di straordinaria bellezza come la Valle dei Templi.
Spazio anche ad alcune giovani proposte italiane come TANGRAM, APOCALYPSE WOW, INUDE, CLAXY che avranno il compito di scaldare il pubblico delle due serate.
Gli Aftershow saranno invece appannaggio dei Dj Set di COLAPESCE + PAOLO MEI + ANTARTICA il 12 agosto e quello di ANDY (Bluvertigo) il 13 agosto, a chiusura del festival.
L’Ellenic Music Festival avrà un’anteprima il 3 agosto al club Oceanomare di Agrigento, in collaborazione con Rocketta Summer Festival, presentando 4 band –The Buns, Blororizo, Twenty Questions, Io Fortunato, e un dj set; un prologo di quello che sarà il format per il 12 e 13 agostoa Piano San Gregorio. La direzione artistica di DAVIDE LO IACONO ha lavorato per creare un’edizione che potesse suscitare un interesse transgenerazionale e una fruibilità del territorio e delle sue bellezze a 360°, con un forte radicamento nel territorio e una rinnovata voglia di condividere esperienze ed emozioni. Ellenic Music Festival è patrocinato dal Comune di Agrigento, dal Parco Archeologico della Valle dei Templi e sostenuto anche con il contributo del main sponsor Meridiano Auto,e di Sanpaolo Invest Private Banker e Le Cuspidi.

Venerdì 12 agosto
APOCALYPSE WOW
INUDE
THE NOTWIST
DJ SET: COLAPESCE + PAOLO MEI + ANTARTICA

APOCALYPSE WOW
Apocalypse Wow è black humor, è MissKeta che legge "La fattoria degli animali" dentro un film di Dario Argento. Preparatevi a danzare. Gli Apocalypse Wow sono usciti allo scoperto. Dopo la loro esibizione all’Ypsigrock Festival di Castelbuono (PA) nell’estate del 2021, unica apparizione della band, l’irriverente duo ha lanciato nel marzo 2022 un singolo e video dal titolo “Tic Tic Toc” come anteprima alla loro partecipazione ad alcuni festival estivi italiani, come il Sicily Fest lo scorso aprile 2022 al Business Design Centre di Londra (UK). Influenze afro e sonoritàelectro, condite da testi dissacranti, si miscelano in un calderone “global” ad alto contenuto danzereccio.

INUDE
Inude è un trio elettronico nato in Puglia nel 2014, che unisce profondamente le tre anime musicali dei fondatori -Flavio, Francesco e Giacomo -i quali hanno dato vita a un progetto che si muove su un’elettronica calda, dalle tonalità soul e romantiche. Nel 2016 pubblicano il loro primo Ep “Love Is In the Eyes Of the Animals” e iniziano un tour europeo e in Italia di oltre 80 date nei migliori club e festival italiani, condividendo i palchi con artisti di grande rilievo nazionale ed internazionale. Nel 2019 pubblicano per Oyez! il loro primo LP dal titolo “Clara Tesla”. Un album maturo che ha subito conquistato la critica e li ha proiettati in una dimensione internazionale. Nel 2020 entrano nel roster dell’etichetta Factory Flaws e pubblicano i singoli “We Share”, “Ballad1”, “Ok, it’s Monday” e “Noisy Floor, Silent Room” singoli che hanno anticipato il secondo album “Primavera” pubblicato nel 2022. Inude si confermano tra le realtà italiane più ispirate ed esportabili e continuano ad affinare nel modo più intimo e personale il loro sound, realizzando nuove tracce dal respiro fortemente internazionale, tra pop/soul ed elettronica. Brani intensi e raffinati, coinvolgenti ed emozionali, è pop senza essere scontato, è ricerca ed evoluzione.

THE NOTWIST
Tornano dal vivo in Italia The Notwist, uno dei gruppi indipendenti più iconici della Germania. La loro musica èaperta ed esplorativa, dalla struttura avvincente grazie alla combinazione di pop malinconico, elettronica rumorosa, Krautrock ipnotico e ballate alla deriva. Vertigo Days è anche un nuovo passo per i The Notwist, un promemoria di quanto singolari siano sempre stati. La cosa più importante è che il trio principale formato da Markus e Micha Acher e Cico Beck si sta evolvendo: come riflette Markus, “volevamo mettere in discussione il concetto di band aggiungendo altre voci e idee, altri linguaggi, e anche mettere in discussione o offuscare l’idea di identità nazionale.” Sono passati sette anni dall’ultimo album della band, Close To The Glass, e in quel periodo i vari membri del gruppo sono stati impegnati con progetti collaterali (Spirit Fest, Hochzeitskapelle, Alien Ensemble, Joasihno), apparizioni come ospiti, un’etichetta discografica (Alien Transistor), colonne sonore per film, aiuto nell’organizzazione della compilation Minna Miteru di indie pop giapponese e organizzazione di un festival (Alien Disko). Questi percorsi divergenti si ripercuotono su Vertigo Days in modo sorprendente, sulla sua struttura, costruita da improvvisazioni di gruppo, con canzoni che scorrono e si fondono l’una nell’altra in una foschia collettiva, al suo spirito, che si sente fresco e vivo. C’è anche qualcosa di cinematografico in Vertigo Days, che riflette il percorso della band che lavora alle colonne sonore e si riflette nella ricca e lunatica opera fotografica di Lieko Shiga che adorna la copertina. Il primo segno di questa nuova apertura è stato il singolo principale dell’album, “Ship”, in cui la band èstata affiancata da Saya del duo pop giapponese Tenniscoats, con la sua voce disarmante e inneggiante che sospira su un ritmo propulsivo e Krautrocking. Troviamo anche il polistrumentista americano Ben LaMar Gay che canta in “Oh Sweet Fire”, contribuendo anche a “un testo d’amore per questi tempi, immaginando due amanti in una rivolta mano nella mano”. Il clarinettista e compositore jazz americano Angel Bat Dawid aggiunge il clarinetto al dream-pop distanziato di “Into The Ice Age”, mentre la cantautrice argentina di musica elettronica Juana Molina regala del canto e dell’elettronica meravigliosi a “Al Sur”. Saya riappare anche come membro della banda giapponese di ottoni Zayaendo, ospite dell’album. In tutto, i Notwist catturano anche per le loro esibizioni dal vivo, dove mescolano e collegano le loro canzoni in modi inaspettati. In effetti, la cosa più impressionante di Vertigo Days è il modo in cui i brani si fondono in un’unica suite lunga e fluida. L’album è concettualizzato come un’intera entità–è perfetto per l’esperienza di ascolto sulle lunghe distanze e per concedersi “un momento“ dedicato. Questo è anche concettualizzato nei testi dell’album, che afferma Markus, “sembrano piùuna lunga poesia”. Le dimensioni di quella poesia sono sfaccettate, qualcosa di intensificato dalla stranezza geopolitica dei suoi tempi: “Mentre la situazione cambiava cosìdrammaticamente, mentre stavamo lavorando al disco, il tema dell’impossibile può accadere in qualsiasi momento, è diventata una storia globale e politica”. Ma funziona anche a un livello di astrazione poetica, in modo tale che ogni canzone si sposti in piùdirezioni: il profondo privato si estende al globale. L’unica certezza è che non c’è certezza. “Forse si tratta principalmente di imparare e di come non si arrivi mai da nessuna parte”, concorda Markus. Sedersi nell’incertezza ècoraggioso, ma è anche il luogo in cui ci sentiamo più vivi, e Vertigo Days è un album pieno di vita, con entusiasmo e amore per la musica e per la comunità, tutti con gli occhi spalancati e sognanti.

DJ SET COLAPESCE + PAOLO MEI + ANTARTICA
Inedito trio per una serata che si preannuncia carica di ritmo e coinvolgimento, con COLAPESCE guest dj di un set che vedrà ai piatti anche PAOLO MEI, agitatore culturale siciliano, musicista, giornalista, dj, e la crew di ANTARTICA.

Sabato 13 agosto
CLAXY
THE TANGRAM
SUBSONICA
DJSET: ANDY (Bluvertigo)

xyRJZagE

CLAXY
Potremmo dire che la storia di Claxy è iniziata negli anni '90. Molto prima della nascita del progetto, la diversità di Rio de Janeiro è servita da trampolino di lancio per il suo sviluppo artistico. Formata dalla cantante, compositrice e pianista Clara Valente e dal produttore musicale e batterista Gui Gautreaux, Claxy si nutre delle influenze della MPB (Brazilian Popular Music), arricchendosi di sapori cosmopoliti di afrobeat, pop ed elettronica. Quando ancora Claxy non era nato, il duo ha pubblicato "Mil Coisas" (2014), nominato come uno dei "Migliori album dell'anno" in Brasile, raggiungendo la Top 10 su iTunes. Da allora si sono esibiti in più di 100 città in tutto il mondo, dal Brasile all'Argentina, negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Germania, Austria, Danimarca, Ungheria e Repubblica Ceca. Il duo ha anche suonato al famoso SXSW. Queste esperienze sono culminate nella nascita ufficiale di Claxy nel 2020. Un progetto che valorizza l'autenticità e ispirato alle dualità della vita. Fornisce musica sia per i momenti di riflessione cheper il tempo libero. Mostra forza e delicatezza allo stesso tempo, concentrati su un'elegante costruzione di melodie all'interno della musica elettronica. La loro prima uscita come Claxy riflette perfettamente queste caratteristiche: "Out Of Veil", un EP firmato dall'etichetta italiana Natura Viva, evoca sentimenti malinconici e suona come poesia, portando toni di mistero, leggerezza e profondità. Successivamente hanno pubblicato indipendentemente “Every Road”, brano che traccia un paradosso sentimentale tra morte e rinascita; ora, il loro lavoro più recente è un nuovo EP di Natura Viva, “Stepwise”, che porta un approccio sonoro che è allo stesso tempo delicato e intenso. Questo è l'"inizio" di Claxy, che continuerà a produrre musica senza data di scadenza, registrando la colonna sonora di una vita.

THE TANGRAM
I Tangram nascono in Abruzzo nel 2016. L'introspezione lirica si unisce alla loro estroversione musicale creando un connubio unico di suoni e parole, in un ambiente spaziale e fruttato; anche se il loro sguardo è rivolto costantemente al futuro, la loro musica di stampo internazionale, affonda le proprie radici nella Groove Music passando dal Soul al Funk. Nel 2020 entrano a far parte del roster di Radar Concerti affiancati dal management di Giorgio Riccitelli ed attraverso la Irma Records e Radar label & mgmt rilasciano i singoli che anticipano l'uscita del primo Album, "Cosmic Fruits”, uscito nell’autunno 2021.

SUBSONICA
Mentre è ancora in corso il Microchip Temporale Club Tour, con una serie inarrestabile di serate di grande successo, i Subsonica annunciano le prime date della stagione estiva: ATMOSFERICO 2022. La tournée vedrà la band nuovamente impegnata sul palco nei festival all’aperto in Italia, a 20 anni di distanza dall’uscita di Amorematico, il terzo album, pubblicato l’11 gennaio 2002. Non una celebrazione vera e propria, ma l’occasione per rimettere in gioco quella attitudine al groove che, a partire dal singolo “Nuvole rapide”, segnò l’evoluzione dei Subsonica, trasformando i loro live in una sconfinata pista da ballo.

DJ SET: ANDY (Bluvertigo)
Nato a Monza il 18 ottobre 1971 Andrea Fumagalli soprannominato Andy ha lavorato come pittore e dj. Da sempre attratto dalle arti visive, si forma accademicamente presso l'Istituto d'Arte di Monza e l'Accademia delle Arti Applicate di Milano fino alla specializzazione in illustrazione e grafica pubblicitaria. Andy consolida negli anni il suo fortissimo codice pittorico e lo applica non solo alle tele, ma anche alla decorazione di oggetti di design, stoffe, strumenti musicali, sviluppando così una carriera di ampio respiro internazionale attraverso l'esposizione delle sue opere in mostre personali e collettive che lo fanno conoscere in Italia e all'estero, valendogli collaborazioni con grandi marchi quali Coveri, Carlsberg, Iceberg, Red Bull, Fiat, Nodis, Too Late. Artista a tutto tondo, Andy nei primi anni 90 fonda con Morgan i Bluvertigo, dove contribuisce con sax, tastiere, voce e sintetizzatori alla composizione di tre album, e alla pubblicazione di un live nonché di una raccolta di successi, attività che insieme a Livio Magnini e Sergio Carnavale lo impegna per diversi anni tra palcoscenici, interviste, apparizioni TV. E' tutt'ora molto attivo nel mondo della musica come compositore di colonne sonore, produttore di band emergenti, conduttore di programmi musicali sia televisivi che radiofonici. Acuto osservatore della realtà musicale contemporanea, da dieci anni si dedica anche alla ricerca e sperimentazione, mixando sonorità dal sapore new wave-anni '80 nei club di tutt'Italia. Andy è anche fondatore di FluOn, suo quartier generale e nucleo creativo, che riassume nel nome una filosofia di arte e di vita: "FLU" come la fluorescenza, ma anche l'inFLUenza, entrambe da emettere e ricevere in flusso continuo e in un costante mode "ON": acceso.