Si intitola “Liminality” il disco d’esordio di Minru, il progetto di Caroline Blomqvist, musicista svedese di stanza a Berlino.
Una miscela folk e indie-rock tessuta di luci e ombre, che sorge da uno spazio personale di ricerca della vita dopo la morte. Nel suo LP di debutto “Liminality”, Minru dipinge le sue melodie con toni morbidi, sussurrando segreti per navigare tra i sentimenti di perdita.

Costruito attorno a strati avvolgenti di chitarra acustica, pianoforte e archi, Minru è una testimonianza sorprendentemente edificante e commovente testamento della sofferenza di Blomqvist per la morte di qualcuno a lei vicino. Di ritorno a Berlino dalla Svezia, i sentimenti di cordoglio, confusione e dolore hanno viaggiato con lei, e queste emozioni hanno spinto il viaggio all'interno dell'album, sentito come una realizzazione onirica del vagabondare perso tra di loro.

“Ho letto che Carl Jung ha usato la parola «Liminality» per descrivere il processo psicologico di transizione. Mi sono sentita subito compresa; rifletteva la mia esperienza e i sentimenti che ho provato durante la realizzazione dell'album: la sensazione che le vecchie certezze fossero scomparse, ma che le nuove non fossero ancora arrivate del tutto”, dice.

“Liminality” si muove tra il sentire andar via il terreno sotto ai piedi, combattere tra l'oscurità e il dubbio, e le sfumature di speranza e luce, che emergono, mentre fai faticosamente pace con la morte e ti ritrovi come persona di nuovo.

"Sono felice di aver racchiuso questo momento nel suono", dice Blomqvist, "sarà sempre lì come un ricordo”.

Il disco è stato realizzato volutamente in solitudine nel suo studio di casa a Neukölln, un piccolo appartamento di due stanze con vecchi pavimenti in legno cigolanti. Catturando l'intimità dello spazio, ha registrato voci e sintetizzatori su apparecchiature in parte prese in prestito dagli amici.

Finito e autoprodotto in uno studio di registrazione di Berlino-Lichtenberg, il risultato è meravigliosamente dettagliato e ricco come il folk delle sue radici svedesi.