Si intitola "INDIFESI" il nuovo disco di CHIARABLUE. In un mondo che chiede di essere perfetti, forti, invincibili, sempre fieri, sempre felici, che pretende che si selezionino le nostre emozioni tra giuste e sbagliate, questo disco arriva per rivendicare il desiderio e il diritto di essere umani: imperfetti e vulnerabili, rotti e lesi, indecisi e persi, di sentirsi senza difese di fronte alla vita, di fronte all'amore, liberi finalmente di essere interi.
Dieci brani che raccontano di un lungo viaggio interiore e musicale, che è ben lontano dall'essere finito, ma che aveva bisogno di celebrare la strada percorsa e che trova le sue radici nella musica del Mediterraneo, del centro e sud-America e certamente nella musica d'autore italiana.

Un viaggio interiore e musicale che trova le sue radici nella musica del Mediterraneo, del centro e sud-America e certamente nella canzone d'autore italiana, in un mix evocativo di mondi lontani.

ChiaraBlue (al secolo Chiara Mariantoni), reatina nata a Losanna e che vive e lavora a Milano, ha alle spalle un lungo periodo di ricerca vocale e di scrittura, con un diploma in Storytelling preso alla Scuola Holden di Torino. Nel 2019 è stata finalista del "Premio Bianca d'Aponte" - concorso riservato alla canzone d'autrice, dove si aggiudica la produzione artistica di un brano curata da Ferruccio Spinetti e una collaborazione artistica con Mariella Nava e l'etichetta Suoni dall'Italia - e nel 2020 è tra i finalisti del Premio Bindi.

L'ensemble che affianca la cantautrice, proveniente principalmente dalla musica etnica e dal jazz, crea un mix evocativo di mondi lontani: le percussioni flamenco di Francesco Perrotta, il contrabbasso di Francesco Carcano, la chitarra mediterranea di Matteo Iarlori e il violino gitano di Andrea Aloisi. A questo organico si aggiungono ospiti di eccezione come Daniele Moretto (tromba) e Marco Scipione (sax) in "Cecilia", "Indifesi", "E intanto piove", "Il male condiviso", "Notte preferita", Angelo Pusceddu alle percussioni di "Dinosauri", Livio Gianola (chitarra flamenca) e il Khora Quartet (archi) in "Due agosto" e Fabrizio Bosso (tromba) in un eccezionale duetto in "Solo un se".