Per raccontare il live di Zibba al Circolo Ohibo' di giovedi 10 gennaio si potrebbe partire da un verso di una sua canzone "E nonostante tutto la musica sa dove andare". La magia di questa frase racchiude la potenza espressiva del cantautore ligure capace di incantare ed affascinare sul palco; accompagnato solo dalla sua chitarra, Zibba ha ripercorso le tappe fondamentali della sua carriera regalando uno show intenso e ricco di emozioni.

Ad aprire il live c'è stato il duo Seawards che ha deliziato il pubblico con una manciata di brani in acustico che hanno messo in risalto la bellissima voce di Giulia Benvenuto e la spigliatezza di Francesco Proglio: un mix coinvolgente e stupefacente, capace di catturare l'attenzione dell'audience con quell'aurea di intimità e leggerezza. Una bellissima scoperta!

Quando sul palco sale Zibba l'atmosfera è elettrica. Lui imbraccia la sua chitarra e parte per un lungo viaggio attraverso "Dove si ferma il sole", "Quello che si sente", "Universo", "Quando stiamo bene", una versione straordinaria di "Tua madre" (brano scritto per Willie Peyote), "Quando abbiamo smesso", "Muoviti svelto", "Vengo da te", La medicina e il dolore" e molte altre..

Il cantante riesce ad arrivare all'essenza con il suo "Le cose da solo tour", presentando i brani in una versione scarna ed essenziale, appunto. Il risultato è uno spettacolo fatto di uno scambio di emozioni: l'artista chiede spesso il sostegno del pubblico che partecipa felice e ricambia con grandi scosci di applausi. Zibba è la prova vivente che la musica fa bene all'anima, fa riflettere, fa commuovere, fa sorridere e fa raggiungere qualsiasi punto del pianeta: una certezza nel panorama musicale italiano.