Abbiamo intervistato i Folkatomik che hanno da poco pubblicato il loro nuovo disco dal titolo “Polaris”; ci hanno introdotti nel loro universo musicale tra passato, presente e futuro.
Buona lettura

 

1. Chi sono i FOLKATOMIK secondo i FOLKATOMIK ?
Sono quattro musicisti che col tempo sono diventati qualcosa di più che semplici colleghi. Eravamo quattro individualità e oggi ci siamo elevati ad essere una unità. Siamo diventati amici e siamo un gruppo di lavoro che si diverte e sta bene insieme.
(Forestieri)

2. Come definireste la vostra musica in tre aggettivi?
Tre? La indovino con due: solida e fresca.
(Forestieri)

3. Ascoltando il nuovo lavoro “Polaris” ci si ritrova coinvolti in un vortice di melodie da cui è difficile uscirne. Innanzitutto: come mai questo titolo? Come è nato questo lavoro? Quali sono le idee che sono alla base delle canzoni che lo compongono?
Beh, innanzitutto grazie per essere caduti nel nostro vortice, andiamo alle domande.
Polaris, titolo dell'album e del nostro primo brano originale, fu pensato da Li Bassi. Cercavamo un nome che desse l'idea di una partenza verso una direzione nuova e non definita. In questi casi forse la cosa migliore è affidarsi alle stelle, così arrivò Polaris.
Il lavoro che è nato è semplicemente la conseguenza dell'incontro di quei quattro musicisti di cui sopra...
Ognuno ha messo una tessera nel mosaico che si è composto. Non c'è un'idea, un concept sulla scelta delle canzoni che abbiamo inserito nel disco, è il nostro disco d'esordio e ci serviva fotografare (con un disco) il punto in cui eravamo, chiudere un capitolo per iniziarne un altro. C'era e c'è piuttosto, un'idea del suono che volevamo, che fosse di luoghi senza confini.
(Forestieri)

4. Siete un quartetto, come si svolge il processo creativo?
Il processo creativo avviene in vari modi, non abbiamo un metodo fisso.
A volte nasce prima una linea melodica, a volte un groove, altre volte due parole di quello che diventerà un testo etc…
Buttiamo giù robe, se funzionano andiamo avanti e poi si screma e si raffina tutto.
(Forestieri)

5. Quali sono i tuoi progetti futuri?
Stiamo già lavorando ad un secondo EP, e stiamo curando sempre di più il nostro show dal vivo. Alla fine siamo musicisti, e il nostro habitat naturale è il palco. In inverno, come gli orsi vanno in letargo, noi ci ritireremo in studio e ne usciremo (come gli orsi) riposati e affamati in primavera.
(Forestieri)

6. Se dovessi consigliare tre band contemporanee, quali sceglieresti?
Novalima, Ignacio Maria Monte, Fanfara Station.